A Silvia, 1964-1988

Testo