L’Archivio Mario Giacomelli | © Rita Giacomelli

ARCHIVIO MARIO GIACOMELLI | © RITA GIACOMELLI
Erede Rita Giacomelli
60046 Sassoferrato (An) – Italia

Gli Archivi Mario Giacomelli, di Sassoferrato e di Senigallia, conservano l’intera produzione fotografica di Mario Giacomelli, fotografie che l’artista ha scattato, sviluppato e stampato nel corso della sua vita, dal 1953 al 2000. Le serie sono conservate nella loro completezza e secondo l’ordinamento stabilito dall’artista stesso.
Il corpus fotografico intero è stato inventariato nel 2000/2001 dagli eredi Giacomelli.
Negli Archivi sono conservati tutti i documenti (epistolario, manoscritti dell’artista sulla fotografia, pieghevoli di convegni a cui Giacomelli ha partecipato, rassegna stampa, etc.), i libri e le riviste di fotografia e arte, libri di poesia, pieghevoli e cataloghi di mostre (materiali inventariati da Marco Andreani e Katiuscia Biondi nel 2008), oltre che le opere pittoriche dell’artista (anni ’60/70) e la sua collezione d’arte privata.
Nel 2003 vengono istituiti gli Archivi Mario Giacomelli di Sassoferrato e Senigallia.
Dal 2007 gli eredi Giacomelli diventano direttori del patrimonio fotografico.

L’Archivio Mario Giacomelli | © Rita Giacomelli conserva (comprese le variazioni di stampa, e i relativi provini e negativi) le serie fotografiche sottoelencate.
Partendo dall’analisi semiologica della produzione della maturità, si può ricostruire – l’Archivio lo sta facendo – il sistema linguistico che regge tutta la gestualità dell’artista che si esprime attraverso immagini collegate tra loro per rimandi simbolici e rituali, con vere e proprie regole grammaticali, nella creazione di un discorso lungo un’intera vita. La coerenza e la forza espressiva dell’artista, il suo bisogno esistenziale di creare, fanno di Giacomelli un Artista che non smette mai di sperimentare e di cercarsi, nella sua immersione nella realtà tramite la fotografia.
Le serie inedite, rimaste segretamente in archivio, sono state stampate da Giacomelli a bassa tiratura se non a copia unica, e questo oggi contribuisce ad amplificarne il valore e la rarità.


L’Archivio Mario Giacomelli | © Rita Giacomelli nell’ottica di conservazione e valorizzazione dell’opera e dell’immagine di Mario Giacomelli, in Italia e all’estero collabora attivamente all’organizzazione di mostre, alla pubblicazione di libri; partecipa a conferenze sull’artista; offre servizio di consulenza gratuito a qualsiasi realtà, privata o istituzionale, si avvicini per un progetto su Mario Giacomelli; segue una progettualità ben precisa per il riposizionamento sul primo mercato; si sta operando per costruire una rete di comunicazione con le più grandi istituzioni museali nel mondo che posseggono una loro collezione permanente di Giacomelli. L’archivio sta progettando la stesura digitale del catalogo ragionato dell’opera omnia dell’artista, e a tale scopo sta digitalizzando – come necessario punto di partenza – l’opera conservata negli archivi Mario Giacomelli; si riunisce circa ogni tre mesi per sedute di perizia, autenticazione e archiviazione delle opere di Giacomelli sottoposte da collezionisti privati e istituzionali, gallerie e case d’asta. Le visite all’archivio avvengono solo su appuntamento, contattando l’Archivio via e-mail.


Serie fotografiche gestite dall’Archivio Mario Giacomelli | © Rita Giacomelli:

Paesaggi dal 1954 (anni ’50)
Ritratti (prime opere dal 1954, anni ‘50)
Nudi (nudi di donna 1954; autoritratti anni ’90)
Natura morta (1954)
Memorie di una realtà (Paesaggi, 1956/68)
Puglia (1958; 1982)
Un uomo, una donna, un amore (1960/61)
Verrà la morte e avrà i tuoi occhi (1964/68, con foto dal ’54 all’83)
Motivo suggerito dal taglio dell’alber(1967/68)
Caroline Branson da Spoon River (1968/73)
Giovani (anni ’60)
Storie di terra (o La terra che muore) (Paesaggi, 1956/80)
Metamorfosi della terra (Paesaggi, 1955/anni ‘80)
Paesaggi aerei (su Bilbao, 1975)
Presa di coscienza sulla natura (Paesaggi aerei, 1976/anni ‘90)
Le mie Marche (anni ’70/80)
Ospizio (1981/83)
Favola, verso possibili significati interiori (1983/84)
Il canto dei nuovi emigranti (1984/85)
Storie di mare (1984/90)
Per poesie (“serie serbatoio”: è l’insieme di tutte le foto che Giacomelli ha prodotto dagli anni ’70 al 2000, che non hanno avuto una collocazione precisa, lasciate dall’artista in attesa di un inserimento in una serie).
L’infinito (1986/88)
A Silvia (1987/88, con foto degli anni ‘60/88)
Felicità raggiunta, si cammina (1986/92)
Passato (1986/90)
La zia di Franco (Ospizio, serie composta nel 1993/94 con foto del 1981/83)
E io ti vidi fanciulla (Ospizio, serie composta nel 1993/94 con foto del 1981/83)
Poesia in cerca d’autore (1992/94)
La notte lava la mente (1994/95)
Astratte (anni ’90)
Autoritratti (anni ’90)
Di versi ti chiesi (anni ’90)
Cremonini (serie inedita autobiografica e intima, anni ’90)
31 dicembre (1997)
Bando (1997/99)
Luna (1998)
Così come la morte (1999)
Autoritratti all’ospedale (2000)
La domenica prima (1999/2000)
Questo ricordo lo vorrei raccontare (2000)